SportdelGolfo.com

tutto il nostro sport a 360° con un click!

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

#Baku2015: Giochi Europei, argento di Valentino Manfredonia nel pugilato

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
AddThis Social Bookmark Button
L'atleta napoletano si arrende in finale all'azero Mammadov

Ai 1' giochi olimpici europei di Baku il sogno d’oro si è infranto sulla figura granitica dell’eroe locale, al secolo Mammadov, un gigante di 196 centimetri. Valentino Manfredonia ha lottato, ci ha provato, alla fine si è messo al collo un argento comunque bello e pesante. Ha sfidato non solo un avversario di grande livello ma una Nazione intera schierata al suo fianco, guidata dal Presidente Aliyev. La finale degli 81 kg si chiude 3-0 per Mammadov ma non cancella i contorni di una giornata speciale.

Perché il tricolore ha saputo colorare il ring del Crystal Hall di Baku. Una bandiera immensa, dai colori vividi, orgogliosi, tanto dirompente la forza d’urto capace di cancellare le velleità avversarie, sotterrando i propositi di chiunque abbia cercato di arrestare la marcia trionfale degli azzurri verso l’obiettivo più importante. L’Italia Team ha incrociato i guanti con eleganza, ha saputo colpire con efficacia facendo leva su una scuola che è una certezza: tattica e tecnica, fendenti portati con precisione chirurgica, senza offrire il fianco ai ritorni degli antagonisti. I nostri 4 alfieri impegnati in semifinale hanno vinto e convinto. Ora manca solo l’investitura chiamata gloria: bisognerà attendere domani, con l’augurio di celebrare un trionfo assoluto ma con la certezza, comunque vada, che l’Italia del pugilato è una realtà che ha già conquistato la vetrina dei primi Giochi Europei, strizzando l’occhio a Rio 2016.

Donne e uomini, senza distinzioni, una marcia inarrestabile, a tratti travolgente, che ha saputo entusiasmare il palazzetto. Hanno aperto le danze Marzia Davide (51-54 kg), con il 2-1 sulla tedesca Nimani, e Valentina Alberti (60-64 kg), 3-0 contro la polacca Rygielsa, e hanno chiuso i conti Vincenzo Picardi (52 kg), 3-0 allo slovacco Tanko, e Vincenzo Mangiacapre, 3-0 al tedesco Sopa. Questo lo score di una giornata entusiasmante.

Sulla strada che porta alla vittoria, domani, ancora Azerbaijan e poi Russia: Marzia Davide e Valentina Alberti sfideranno rispettivamente le russe Saveleva e Beliakova, mentre Vincenzo Picardi se la vedrà con l’azero Mamishzada e Vincenzo Mangiacapre sarà opposto all’altro padrone di casa Sotomayor. Servono 4 imprese per consacrare un cammino d’applausi.

Ora il medagliere italiano conta 9 ori, 16 argenti e 7 bronzi per un totale di 32 medaglie.

Sedici sono gli atleti siciliani convocati nelle varie nazionali azzurre:

la redazione - SportdelGolfo.com

Riproduzione Riservata ®

Aggiungi commento

La redazione si riserva di pubblicare l'allegato commento.
Verranno cancellati automaticamente quelli offensivi, lesivi all'immagine di associazioni, società o persone.

Codice di sicurezza
Aggiorna

I cookies vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information