SportdelGolfo.com

tutto il nostro sport a 360° con un click!

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Esclusivo SdG.com: A tu per tu con mister Filippo Foscari

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 
AddThis Social Bookmark Button

Continuano le interviste del batterista pazzo, Andrea Lo Gerfo

 

Facciamo due chiacchiere con l'osservatore ufficiale del Trapani Calcio, mr. Filippo Foscari. Grande esperienza e soprattutto, una persona perbene , oggi cosi' difficile da incontrare negli ambienti sportivi, sia nel mondo professionistico che nei circuiti dilettantistici. Ex calciatore, la sua è una famiglia sportiva D.O.C. con la figlia Federica che gioca in B1 con la Pallavolo Marsala (vittoriosa nella prima giornata di campionato) ... di Federica dicono che sia anche un'ottima cantante Jazz. Complimenti!   

Andrea Lo Gerfo: Come mai questa scelta di fare l'osservatore per il trapani

Filippo Foscari : E' un percorso iniziato  nel 2013  grazie al Direttore del Settore Giovanile, Trapani Calcio, Mario Gabriele con il quale a parte una grande amicizia, c'è sempre stata una  grande  intesa. Abbiamo scandagliato tutta l'Italia meridionale con stage a Napoli, Potenza, Cosenza Bari e in tutta la Sicila ...

A.L. : Hai allenato squadre dilettantistiche come si vive il mondo dei non professionisti ?

F.F. : credo si possa dire che il calcio dilettantistico è completamente da rifondare, ogni anno si assiste alla scomparsa di società e cosa drammatica, i costi d'iscrizione sono spesso insostenibili.

A.L. : A cosa aspiri maggiormente ?

F.F. : non ho aspirazioni particolari ho il piacere di contribuire alla crescita e alla formazione di qualche ragazzo, di questa provincia,  troppo spesso martoriata e lontana dal calcio che conta

A.L. : Cosa pensi del fatto che tutti credono nei giovani, ma poi si vedono poco in campo ?

F.F. : questo è un vezzo tutto italiano, basta pensare che in Italia i migliori giovani nella migliore delle ipotesi hanno una maglia da titolare in lega Pro, mentre in Europa giocano in Champions League. Nei dilettanti la regola di far giocare un atleta Juniores è fallita da tempo e gli organi federali dovrebbero chiedersi, quanti di questi giovani sono stati davvero valorizzati e quanti per colpa di questa regola non giocano più.

A.L. : Hai il nome di qualche ragazzo, di qualche giovane, che avrebbe potuto sfondare nel calcio ma non ha avuto la fortuna giusta ?

F.F. : in tutti questi anni ho visto tanti giovani giocatori meritevoli di un confronto con campionati professionistici. Più che un giovane che non ce l'ha fatta mi piace ricordare un ragazzo che ho allenato l'anno scorso a Trapani, Nicolò Francofonte classe 2000, il quale grazie alla visionatura del direttore Mario Gabriele oggi è alla juventus nel campionato under 16.

A. L . : Hai una figlia che gioca in B1 nel Marsala Volley ... quali differenze trovi tra il calcio e la pallavolo ?

F.F. : le differenze sono abissali, il volley è più impegnativo, si allenano sicuramente di più e hanno meno riconoscimento mediatico. La passione e lo spirito di sacrificio, se si vuole competere a certi livelli, sono le componenti fondamenetali in tutti gli sport.

A.L. : Quali consigli daresti ad un giovane che entra mel mondo sportivo per la prima volta?

F.F. : direi di provare innazitutto a mirare al proprio divertimento e provare passione per lo sport che si decide di praticare.

A.L. : Le qualita' per diventare un buon atleta agonistico ?

F.F.
: le qualità tecniche sono innate nei ragazzi ed è l'esatto motivo per cui ci sono piccolissimi che driblano ed altri no, il tempo, la passione, la crescita psicofisica e un pizzico di fortuna saranno determinanti.

A.L. : Spesso il ruolo dei genitori e' abbastanza criticato anche se con i loro soldini le societa' vanno avanti, cosa mi sai dire in merito ?

F.F. : il genitore è l'anello debole del mondo giovanile, il genitore ha il dovere di seguire la passione del proprio figlio e non sostituirsi al figlio stesso

A.L. : Tutti conosciamo la bravata di icardi , daresti delle sanzioni al giocatore o lo perdoneresti ?

F.F. : è una vicenda dove hanno perso tutti quanti, mi viene difficile capire un ragazzo di 23 anni che scrive un'autobiografia, un editore che non ha pubblicato le idiozie che ha scritto e la società che non ha controllato. Credo che troppa ricchezza e benessere abbia fatto male a questo ragazzo.

Grazie a Mr. Filippo Foscari per aver concesso un po' del suo tempo alla nostra redazione e rispondendo alle mie domande ,  ha dimostrato senza alcun dubbio la sua grande conoscenza nel calcio e nello sport in generale. Un grosso in bocca al lupo e magari ci si rivede per una nuova intervista, alla fine di tutti i campionati per capire se lo sport continua ad essere: FONTE di VITA !

FOTO : Mr. Filippo Foscari (Trapani Calcio)

Andrea Lo Gerfo - SportdelGolfo.com

Riproduzione Riservata ®

Commenti  

 
0 #1 batteristaandrea lo gerfo 2016-10-18 16:17
d'accordo sul batterista pazzo :lol: ;-)
Citazione
 

Aggiungi commento

La redazione si riserva di pubblicare l'allegato commento.
Verranno cancellati automaticamente quelli offensivi, lesivi all'immagine di associazioni, società o persone.

Codice di sicurezza
Aggiorna

I cookies vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information